TESTO DI

Lucia Rossetti

FOTO DI

Emilio Bonavita

Come i fiori a primavera



 

Ritornò la voglia di vivere

senza avvisare, con le sembianze

di una margherita che faceva

timidamente capolino

tra i ciuffi d'erba, e dell'allegro

fischiettar degli uccellini

alle cinque del mattino,

mentre i primi fiori bianchi spargevan

lungo il vialetto il loro odor dolce,

che sapeva d'amore per gli innamorati,

e per me del ricordo dell'amore,

quando mi passavi le dita

tra i capelli e m'illudevo che

la vita fosse meno aspra

 

Un sottil raggio di sole

trafisse l'aria ancora fresca,

scaldò le cortecce rugose

dei vecchi alberi, scaldò i sassi,

i campi, ruscelli, i tetti,

le tane dei topolini, e infine

penetrò dentro al cuore,

che cantò, gridò, esultò,

pulsò di felicità, lasciando

che quel calore gli guarisse

a poco a poco le ferite

ancora sanguinanti

 

E rinacque la voglia di vivere

tutta d'un tratto,

come i fiori a primavera:

era l'inizio del risveglio

 

 


AREA

Archivio »

L'ANGOLO DELLA POESIA

Archivio »

RICETTA

Archivio »

ALTRI ARTICOLI

N°31

dicembre 2021

EDITORIALE

Patrizia Masoni

Da lunedì 15 aprile 2019 la città di Parigi non è più la stessa: un improvviso incendio ha devastato la Cattedrale di Notre Dame una delle chiese più...  continua »

 
 
 
 
 
 
ArchivioCONSULTA TUTTO »

 

OmnisMagazine n°44
» Consulta indice