L’UNAGA per la prima volta nella Repubblica di San Marino



Il Consiglio Nazionale dell’UNAGA (Unione Nazionale delle Associazioni regionali e interregionali dei giornalisti specializzati in agricoltura, alimentazione, ambiente, territorio, foreste, pesca ed energie, gruppo di specializzazione della FNSI), riunitosi recentemente e per la prima volta nella Repubblica di San Marino, ha avuto l’onore di essere ricevuto in udienza dai Capitani Reggenti.

 

Al Consiglio, presieduto da Mimmo Vita e tenutosi presso la sede dell’Ente Cassa di Faetano della Banca di San Marino, sono intervenuti: il Segretario generale aggiunto della Federazione Nazionale della Stampa Italiana Giovanni Rossi, il Segretario generale dell’Unione Roberto Zalambani ed il tesoriere Efrem Tassinato, il responsabile della Comunicazione di Expo 2015 Giovanni Arditti, il Presidente dell’Ente Cassa di Faetano Maurizio Zanotti, il Consigliere dell’Ordine dei Giornalisti ER Emilio Bonavita; l’ex presidente UNAGA Claudio Coiutti. In rappresentanza delle numerose ARGA intervenute hanno relazionati i Presidenti Fabio Benati (Lombardia), Fiorenzo Cincotti (Piemonte) Franco Polidori (Toscana), Mariella Cossu (Sardegna), Lisa Bellocchi, (Emilia Romagna), Fabrizio Stelluto (Veneto), Domenico Fiorito (Argalam), Luana Spellanzoni (Marche), Roberto De Petro (Puglia) ed il Segretario della Calabria Manuela Lacaria.

 

Tra le decisioni prese dell’UNAGA, quella di tenere il 9 marzo 2013 a Roma (in base al principio dell’alternanza) il prossimo Consiglio Nazionale che dovrà anche deliberare sul Congresso che si svolgerà ad ottobre del 2013 e per il quale sono aperte le candidature.

 

Di particolare rilevanza, per l’argomento trattato, l’intervento di Giovanni Arditti, responsabile della Comunicazione di Expo 2015, che ha illustrato la manifestazione che, per la prima volta, si occuperà di agricoltura ed alimentazione (il tema scelto per l’Expo è Nutrire il pianeta, energia per la vita). L’esposizione universale, nata a Londra nel 1851, è stata in Italia a Milano nel 1906 e vi tornerà, quindi, dopo 109 anni. Si tratta di un evento complesso, con un notevole impegno finanziario, che durerà sei mesi e a cui parteciperanno più di cento Paesi.

 

Si è dibattuto di formazione che andrà fatta non soltanto perché è un obbligo di legge (in quanto obbligatoria dal 2013) ma anche per avere giornalisti preparati e consapevoli dei propri doveri e dei propri diritti. Significativa, in questo campo, l’esperienza della Fondazione Ordine Giornalisti dell’Emilia Romagna.

 

Tra gli altri temi trattati, l’attività internazionale (l’UNAGA fa parte di ENAJ -European Network Agricultural Journalists- ed IFAJ -International Federation of Agricultural Journalists), le attività delle ARGA, il rapporto con le istituzioni, i problemi sindacali della categoria (dovuti alla crisi del settore radio-televisivo anche a causa dell’alto costo del passaggio al digitale) e la gestione del sito internet UNAGA in sinergia con le Arga.

 

 


AREA

Archivio »

L'ANGOLO DELLA POESIA

Archivio »

RICETTA

Archivio »

ALTRI ARTICOLI

N°6

ottobre 2021

EDITORIALE

Emilio Bonavita

Cari Lettori cari amici sono passati già due anni dall’inizio dell’avventura di “Omnis magazine” due anni che spero siano stati per voi di piacevole incontro e confronto...  continua »

 
 
 
 
 
 
ArchivioCONSULTA TUTTO »

 

OmnisMagazine n°44
» Consulta indice